I pronostici del weekend

E’ il weekend in cui finirà la permanenza in vetta (durata ben tre settimane) di Fast & Furious 7. D’altronde, l’arrivo in sala di Avengers: Age of Ultron, in ben 905 copie (più di un terzo sono 3D), non lascia spazio a nessun dubbio. I nostri pronostici:

avengers2Avengers: Age of Ultron (905 copie)
Media: 6.900.000
Mediana: 6.600.000
Media ponderata: 6.700.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 8.100.000

Il primo film aveva aperto con 2,3 milioni di euro il primo giorno e 7,8 milioni nei 5 giorni. Tuttavia, quella volta l’esordio avveniva il 25 aprile e questo spiega anche il debutto del sequel (che ieri ha fatto circa un milione, ma consideriamo che c’era un’importante partita di calcio). Magari può essere utile ricordare il caso recente di Fast & Furious 7, che ha aperto con 448k di mercoledì (ma erano delle anteprime serali), facendo poi di giovedì (primo giorno effettivo) circa 1,4M e chiudendo poi il weekend lungo con 7,7 milioni. Nei nostri pronostici (consideriamo solo l’incasso tra giovedì e domenica), si spazia dai 4,5 milioni ai 9 milioni.

The Age of Adaline (280 copie)
Media: 535.000
Mediana: 550.000
Media ponderata: 500.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 250.000

Il film con i pronostici più incerti, tra i 215k e gli 800k.

Samba (140 copie)
Media: 285.000
Mediana: 285.000
Media ponderata: 300.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 150.000

Ovviamente, non ci si aspetta un risultato simile a quello di Quasi amici. Tre persone puntano sotto i 200k, due dai 400k in su.

I bambini sanno (91 copie)
Media: 145.000
Mediana: 130.000
Media ponderata: 155.000

Dopo l’exploit di C’era una volta Berlinguer (che aveva aperto con 217k e chiuso con 700k totali), qui ci si aspetta qualcosa in meno dal nuovo documentario di Veltroni. Comunque, a parte un minimo di 54k, tutti i pronostici sono tra i 117 e i 200k.

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).
Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi), il pronostico della persona più brava dell’ultimo mese e quello del più bravo dell’ultimo weekend


I pronostici del weekend

E’ un weekend in cui svetta l’uscita di Mia madre, l’ultimo film di Nanni Moretti, che arriva in 410 copie. Ma, considerando l’ottimo secondo weekend di F&F7, la lotta per il primo posto sarà tra questi due titoli. I nostri pronostici:

Fast & Furious 7 (circa 700 copie)
Media: 1.600.000
Mediana:1.700.000
Media ponderata: 1.600.000
Il pronostico del migliore del mese: 1.150.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 1.500.000

Al terzo weekend (era inizio giugno 2013), il sesto capitolo di Fast & Furious ha fatto 633k, perdendo circa il 70% rispetto al risultato del secondo fine settimana. Ma, vista l’ottima tenuta del weekend scorso, è lecito aspettarsi ben altro dato. I pronostici sono variegati e oscillano da un minimo di 1,1M a un massimo di 2,1M. La media raggiunta rappresenterebbe un calo di circa il 55% rispetto allo scorso weekend.

Mia madre (410 copie)miamadre
Media: 1.400.000
Mediana: 1.300.000
Media ponderata: 1.350.000
Il pronostico del migliore del mese: 1.300.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 1.400.000

Il precedente film di Moretti, Habemus Papam, aveva raccolto 1.327.004 euro nel primo weekend (15-17 aprile 2011) uscendo in circa 465 sale. Il caimano arrivava invece in 385 copie venerdì 24 marzo 2006 e in quel fine settimana otteneva 2.052.641 euro. A parte un massimo di 1,9M, i pronostici su questo titolo sono decisamente compatti, in larga parte tra 1,2 e 1,4M.

Black Sea (264 copie)
Media: 450.000
Mediana:475.000
Media ponderata: 480.000
Il pronostico del migliore del mese: 550.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 600.000

A parte un minimo di 280k, tutti i pronostici sono tra i 300.000 e i 600.000 euro.

Le vacanze del piccolo Nicolas (144 copie)
Media: 235.000
Mediana: 230.000
Media ponderata: 220.000
Il pronostico del migliore del mese: 150.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 400.000

Giusto per la cronaca, il predecessore di questo film, Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, uscito nel 2009, aveva raccolto 710k totali. A parte un pronostico massimo di 400.000 euro, variano tutti tra i 140.000 e i 300.000 euro.

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).
Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi), il pronostico della persona più brava dell’ultimo mese e quello del più bravo dell’ultimo weekend.


2 o 3 cose che so sulla critica…

truffautDue mesi fa, alla Casa del Cinema di Roma è stato organizzato un convegno dal titolo “A cosa serve un critico?”. All’epoca, mi è venuto da ironizzare su questo titolo (che si presta automaticamente a qualche sberleffo, anche non raffinatissimo), ma prendiamola un po’ più seriamente. Visto che sulla materia qualcosina la so e visto che ora sono in una parte della barricata in cui, per lavoro, quello che scrivono i critici mi interessa molto, mi permetto di fare qualche considerazione e dispensare un consiglio o due.

– I tempi e i modi di recensione. Faccio qualche esempio, così ci capiamo. E’ normale recensire un film di enorme incasso e di cui tutti parlano solo di sabato, due giorni dopo l’uscita? Ha senso recensire un titolo una settimana dopo la sua uscita, quando il film è già morto, o sarebbe meglio parlare di un debutto? E quando si aggiunge un film a un ristrettissimo elenco di ‘da non perdere’, non sarebbe meglio verificare se quel titolo è alla seconda settimana, era un’uscita tecnica di una major che doveva apparire in un centinaio di schermi solo al suo debutto e magari adesso è praticamente fuori da qualsiasi sala, se non in un pugno di schermi e a orari impossibili? A proposito, se un film esce in due o tre sale, capisco la voglia di sostenerlo, ma se gli date lo spazio maggiore in pagina, forse è come dire “me ne frego che il 97% del pubblico non possa vederlo”. Per non parlare dell’abitudine di parlare di un film da un festival (con spazi spesso eccessivi) e poi magari non tornarci – mesi dopo – quando esce in sala. Insomma, quando il pubblico può vederlo, “tanto lo abbiamo già trattato”. Anche in questo caso, il pubblico (non) ringrazia…

– Ogni tanto, ho l’impressione che si tenti di rendere troppo complesso vedere un film, in altre occasioni forse bisognerebbe essere più cauti. Nel primo caso, perché in tanti tengono a dire che Heimat è il film più lungo della storia del cinema e dura 59 ore? Basterebbe dire che è una serie che ha avuto diversi capitoli e che può essere fruita tranquillamente a piccole dosi. D’altronde, non è nulla di molto diverso dal vedere Il trono di spade, che a conclusione della sua storia probabilmente avrà una durata più lunga di Heimat. Questo ha impedito alla saga fantasy di diventare popolarissima? Discorso diametralmente opposto su certi film d’autore: capisco benissimo che i gusti di un critico (come i miei, peraltro) siano più ‘resistenti’, ma non sarebbe meglio essere onesti con il lettore e dirgli chiaramente che la visione di un film potrebbe essere ermetica e dura? Perché uno spettatore incazzato, magari perché dopo dieci ora di lavoro è stato ‘sottoposto’ a un film estenuante, poi si rischia di perderlo per sempre…

– Non è più possibile parlare di film e cercare di analizzare quello che esce, senza avere un minimo di conoscenza di box office, regolamenti ministeriali, tax credit, ecc. Altrimenti, si rischia di trovare tendenze stilistiche che in realtà sono solo economiche e di fare discorsi ideologici. O magari attaccare commedie che incassano dieci volte tanto un film d’autore (con costi magari non molto diversi) vengono considerate dei flop, mentre quei titoli d’essai sembra che non debbano mai recuperare nulla.

– Credo che i critici abbiano un problema generale, divisibile a seconda del mezzo in cui scrivono maggiormente. Detto in maniera un po’ rozza: se scrivono sulla carta stampata, saranno un po’ più tolleranti con il cinema italiano d’autore (e soprattutto alcuni grandi nomi storici); se scrivono sul web, difficilmente massacreranno i blockbuster americani. Ovviamente, ci sono le eccezioni (la Mancuso, che sinceramente è la critica che leggo più volentieri e con la quale mi sento più in sintonia), ma non credo sia sbagliato fare questa ‘generalizzazione’. E anche qui, il discorso “spettatore fregato, spettatore che rischia di non tornare”, non lo dimenticherei…


I pronostici del weekend

Nel weekend pasquale, Fast & Furious 7 ha sbaragliato la concorrenza ed è ovvio che sarà ancora primo in classifica anche in questo fine settimana. Così, nei nostri pronostici*, troverete anche il secondo weekend di questo film:

Fast & Furious 7 (700 copie)
Media: 3.300.000
Mediana: 3.200.000
Media ponderata: 3.150.000
Il pronostico del migliore del mese: 2.500.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 3.500.000

Al suo primo fine settimana, Fast & Furious 7 ha ottenuto ben 7,2 milioni, anteprime di mercoledì e Pasquetta esclusi (al momento, è vicino ala soglia degli 11 milioni totali). Logico quindi prevedere che sarà in testa al botteghino anche questo weekend, ma con quanto? Nel secondo fine settimana, il sesto capitolo della saga aveva fatto 2,1M. Ma anche vero che, nel suo primo martedì, aveva fatto 500k, contro gli 838k di questo episodio, quindi è facile prevedere una tenuta maggiore per questo episodio. E infatti, a parte qualche estremo (2,5 milioni in negativo, 4,6 in positivo), quasi tutti i pronostici sono tra i 3 e i 3,5 milioni.

Se Dio vuole (400 copie)sediovuole
Media: 940.000
Mediana: 880.000
Media ponderata: 900.000
Il pronostico del migliore del mese: 1.200.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 800.000

Difficile fare paragoni. Proviamoci con le ultime commedie uscite: Ho ucciso Napoleone (279k nel primo weekend), La solita commedia 511k, Ma che bella sorpresa 2M. Forse, meglio paragonarla a titoli come Noi e la Giulia (1,2M), che però usciva a metà febbraio, quindi in pieno inverno. I pronostici variano da un minimo di 650.000 a un massimo di 1,3M, con diverse persone orientate sugli 8-900k.

Oops, ho perso l’arca (270 copie)
Media: 350.000
Mediana: 365.000
Media ponderata: 325.000
Il pronostico del migliore del mese: 400.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 220.000

Si oscilla da un minimo di 220.000 a un massimo di 520.000.

Humandroid (230 copie)
Media: 510.000
Mediana: 505.000
Media ponderata: 505.000
Il pronostico del migliore del mese: 800.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 520.000

Il film che suscita i pareri più contrastanti, da un minimo di 245.000 a un massimo di 800.000, con (in mezzo) opinioni molto contraddittorie…

Uno, anzi due (203 copie)
Media: 260.000
Mediana: 250.000
Media ponderata: 260.000
Il pronostico del migliore del mese: 250.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 220.000

Qui si discute di meno, ci sono degli estremi (150.000 da una parte, 400.000 dall’altra) ma in generale i pronostici sono piuttosto omogenei…

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).
Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi), il pronostico della persona più brava dell’ultimo mese e quello del più bravo dell’ultimo weekend.


I pronostici del weekend

Dopo un fine settimana non esaltante come quello scorso (complice anche il bel tempo), arriva al momento giusto un blockbuster sicuro come Fast & Furious 7, che (non ci sono dubbi) dominerà questo fondamentale weekend pasquale. Di seguito, i nostri pronostici* (avvertenza: il pronostico fa riferimento a dato giovedì-domenica, escludendo la Pasquetta):

fast&furious7Fast & Furious 7 (770 copie)
Media: 5.600.000
Mediana: 6.100.000
Media ponderata: 6.150.000
Il pronostico del migliore del mese: 7.000.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 6.900.000

Il quinto episodio della fortunata saga, uscito mercoledì 4 maggio 2011, aveva ottenuto 5,1 milioni nei primi cinque giorni di sfruttamento e 931.460 euro il primo giorno. Il sesto capitolo, arrivato in sala il 22 maggio 2013, aveva fatto anche meglio, con 7,1 milioni (sempre nei cinque giorni) e con un esordio di mercoledì a 1.289.765 euro. Inutile dire quindi che ci si attendono grandi cose da questo nuovo film, che ha già debuttato ieri in 400 sale, ottenendo 408k nelle sale rilevate da Cinetel, buon dato considerando che non era un’uscita vera e propria e che le anteprime fatte per il sesto episodio, avvenute di martedì, avevano raccolto circa 300.000 euro. Un buon numero di pronostici varia tra i 6,9 e i 7,2 milioni, altri sono orientati sui 5 milioni, mentre un paio di ipotesi (molto più basse) sono tra i 2,4 e i 3 milioni.

Into the Woods (275 copie)
Media: 920k
Mediana: 800k
Media ponderata: 950k
Il pronostico del migliore del mese: 1.100.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 1.450.000

Qualche musical da ricordare. Sweeney Todd (sempre da Stephen Sondheim) aveva raccolto 1,6 milioni nel primo weekend, aiutato evidentemente anche dalla presenza di Johnny Depp (che però, al momento, non sembra avere la stessa forza commerciale). Les Miserables, nel 2013, si era fermato invece a 727k nel primo fine settimana. La cosa interessante è che, forse, non tutto il pubblico italiano ha la percezione che si tratti di un musical. Molto contrastanti i pronostici, che vanno da un minimo di 450k a un massimo di 1.800.000.

La scelta (228 copie)
Media: 550k
Mediana: 480k
Media ponderata: 575k
Il pronostico del migliore del mese: 780.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 480.000

Tralasciando l’uscita de Il cecchino, passata pressoché inosservata in Italia, vediamo come hanno aperto gli ultimi film di Michele Placido. Nel 2009, Il grande sogno aveva esordito con poco più di un milione nel primo weekend. Risultato sostanzialmente identico ottiene, due anni dopo, Vallanzasca. Anche qui, grande varietà di giudizi: si va da un minimo di 300k a un massimo (due persone) di 800k.

Third Person (170 copie)
Media: 295k
Mediana: 250k
Media ponderata: 290k
Il pronostico del migliore del mese: 200.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 245.000

Non si può dire che il film di Paul Haggis non faccia discutere. Si va da un minimo di 153k a un massimo di 550k.

TIPS (90 copie)
Media: 134k
Mediana: 137k
Media ponderata: 135k
Il pronostico del migliore del mese: 100.000
Il pronostico del migliore dello scorso weekend: 165.000

Il film su cui si discute meno, nel senso che i pronostici variano dai 100k ai 165k. Va anche detto che è stato il film che ha avuto meno pronostici di tutti (6).

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).
Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi), il pronostico della persona più brava dell’ultimo mese e quello del più bravo dell’ultimo weekend.


I pronostici del weekend

Riuscirà qualcuno a scalzare dal primo posto Cenerentola? Vediamo quali sono i pronostici* per questo fine settimana e il relativo numero di copie. Nota importante: da questa settimana, trovate segnalati in evidenza i pronostici della persona più brava da quando ho iniziato questa rubrica, inutile dire che terrei d’occhio con molta attenzione quello che scrive…

homeHome (500 copie)

Media: 1.700.000
Mediana: 1.500.000
Media ponderata: 1.600.000
Il pronostico del migliore del mese: 1.400.000

In primis, qualche dato di cartoni nel 2014. Il miglior risultato per un prodotto completamente originale (e senza neanche una serie televisiva dietro, come avvenuto per Capitan Harlock) è A spasso con i dinosauri, con un primo weekend da 1,6 milioni e 500 copie (proprio come Home). Un dato interessante è quello di Mr. Peabody e Sherman, che aveva esordito il 13 marzo dello scorso anno con 813k in 528 sale, per chiudere poi a 3,4 milioni. I pronostici per Home oscillano parecchio, spaziando dai 950k ai 2,4M, ma va detto che diverse persone sono orientate tra 1,2 e 1,5M.

L’ultimo lupo (315 copie)

Media: 760.000
Mediana: 650.000
Media ponderata: 700.000
Il pronostico del migliore del mese: 500.000

L’unico confronto che mi sento di fare, è con Il mio amico Nanuk, che ad autunno scorso ha aperto con 910k nel primo weekend. Qui si passa da un pronostico minimo di 500k a uno massimo di 1,4M.

Ho ucciso Napoleone (275 copie)

Media: 615.000
Mediana: 575.000
Media ponderata: 600.000
Il pronostico del migliore del mese: 500.000

Amiche da morire, il primo film della regista di Ho ucciso Napoleone, aveva esordito con 768k nel primo fine settimana. Qui si varia da 450k a quasi un milione…

La famiglia Belier (219 copie)

Media: 480.000
Mediana:450.000
Media ponderata: 465.000
Il pronostico del migliore del mese: 450.000

Forse il film che ha creato i maggiori squilibri tra i nostri pronosticatori, che spaziano da 250k a quasi 900k.

French Connection (200 copie)

Media: 330.000
Mediana: 340.000
Media ponderata: 315.000
Il pronostico del migliore del mese: 350.000

Qui veramente poco da dire: a parte un paio di estremi, tutti stanno tra i 275k e i 350k.

Lettere di uno sconosciuto (44 copie)

Media: 86.000
Mediana: 85.000
Media ponderata: 85.000

Pronostici abbastanza compatti in questo caso, tra i 60 e i 120k, ma molti vicinissimi alla media indicata.

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).

Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi) e il pronostico della persona più brava dell’ultimo mese.


I pronostici del weekend

Dopo avervi tediato per diverse settimane con la spiegazione della rubrica, oggi vi evito la ramanzina (comunque, potete trovare tutto in fondo all’articolo*) e passiamo direttamente ai pronostici. Come noterete, l’ottimo risultato di Cenerentola, mi ha spinto a chiedere un’opinione anche per il secondo weekend. Mi sembra corretto dire che, tra i due pronostici migliori che vedrete per ciascun film, il primo è il mio (non per diritto feudale, ma perché la scorsa settimana sono stato il migliore :-). Speriamo di non fare brutte figure…

cenerentolaCenerentola (circa 700 copie)

Media: 3.300.000
Mediana: 3.200.000
Media ponderata: 3.250.000
I pronostici dei migliori: 2.900.000 / 3.300.000

Pronostici abbastanza lineari su Cenerentola e la sua tenuta, la media rispecchia bene l’opinione generale. Da segnalare estremi di 2.900.000 euro da una parte (la mia opinione) e di 4.000.000 dall’altra.

La solita commedia – Inferno (380 copie)

Media: 1.250.000
Mediana: 1.100.000
Media ponderata:1.250.000
I pronostici dei migliori: 1.350.000 / 800.000

Qui opinioni molto più variegate, che spaziano dagli 800k ai 2 milioni.


Insurgent (350 copie)

Media: 1.100.000
Mediana: 1.100.000
Media ponderata: 1.100.000
I pronostici dei migliori: 1.100.000 / 1.600.000

L’opinione generale è che questo secondo episodio della saga non otterrà risultati molto diversi dal primo (che aveva aperto con circa un milione nel suo primo weekend), ma c’è un minimo di 850k e un massimo di 1,6M.

Latin Lover (330 copie)

Media: 760.000
Mediana: 775.000
Media ponderata: 740.000
I pronostici dei migliori: 600.000 / 900.000

Qui opinioni abbastanza coerenti, ma un paio di persone puntano a un dato sopra il milione.


La prima volta (di mia figlia) (177 copie)

Media: 340.000
Mediana: 340.000
Media ponderata: 340.000
I pronostici dei migliori: 370.000 / 350.000

Opinioni quanto mai discordanti per questo titolo: si passa da un minimo di 60.000 euro a un massimo di 650.000 euro.


Fino a qui tutto bene (100 copie)

Media: 235.000
Mediana: 205.000
Media ponderata: 200.000
I pronostici dei migliori: – / 120.000

Non esprimo ovviamente pronostico sul film e non faccio nessuna considerazione, essendo direttamente coinvolto.

 

* I pronostici del weekend vengono realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).

Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina faccia la media e la pubblico sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi) e i pronostici delle due persone che hanno fatto meglio la settimana precedente.


Ma perché si parla solo delle commedie?

siaccettanomiracoliSarò ormai ossessionato, ma è incredibile come si continui a raccontare una favola. La favola è quella del pubblico italiano stanco di commedie e che vorrebbe cose nuove. Iniziamo dalle basi, gli incassi (al 15 marzo) dei film italiani usciti nel 2015 (ho preso in considerazione solo quelli che hanno incassato almeno 100k):

3    SI ACCETTANO MIRACOLI    01 distribution     € 15.464.655    2.350.826

11    ITALIANO MEDIO    medusa film s.p.a.     € 4.102.312    625.099

13    NOI E LA GIULIA    warner bros italia s.p.a.     € 3.641.845    585.052

17    IL NOME DEL FIGLIO   lucky red distrib.     € 2.947.491    473.736

19    SEI MAI STATA SULLA LUNA?      01 distribution     € 2.793.288    450.521

20    NESSUNO SI SALVA DA SOLO       universal s.r.l.     € 2.634.327    413.764

26    MA CHE BELLA SORPRESA      medusa film s.p.a.     € 2.142.536    322.677

41    NON C’E’ 2 SENZA TE      m2 pictures s.r.l.     € 966.329    154.841

46    ITALO        notorious pict. s.p.a.     € 633.865    102.966

49    LE LEGGI DEL DESIDERIO        medusa film s.p.a.     € 586.989    93.217

52    MARAVIGLIOSO BOCCACCIO       teodora film s.r.l.     € 551.651    94.725

53    ZANETTI STORY       nexo digital s.p.a.     € 499.507    42.736

54    HUNGRY HEARTS       01 distribution     € 493.746    83.443

Se la matematica non è un’opinione, ci sono 5 commedie nei primi 5 posti e 8 nei primi 10. E anche gli altri due titoli è difficile considerarli d’autore, non perché non abbiano alla regia due persone che portano avanti un loro discorso, ma viste le storie che raccontano e le recensioni tutt’altro che esaltanti. E’ vero che i film importanti “non comici” sono stati pochi, ma certo che, a parte l’eccezione del prodotto di Castellitto, nessuno di questi (Hungry Hearts, Maraviglioso Boccaccio, Le leggi del desiderio) ha portato tanta gente al cinema. Ed è incredibile che un film come Hungry Hearts (che sicuramente meritava di più), con due premi importanti a Venezia, abbia raccolto meno di un documentario su un calciatore (grande calciatore!) e presentato in un’unica serata. Insomma, per ora, la soglia del milione di euro (superata l’anno scorso solo da cinque pellicole d’autore) non è stata neanche minimamente sfiorata. Certo, con un aprile-maggio che prevede le uscite di Moretti, Sorrentino e Garrone (speriamo non si cannibalizzino, soprattutto gli ultimi due), si può essere certi che almeno tre titoli li avremo, ma per ora c’è poco da stare allegri. Tanto che (e questo è il vero problema) la quota del cinema italiano è passata dal 33% che aveva nei primi due mesi e mezzo dell’anno scorso al 23% del 2015, questo sì un problema vero.

E che dire della disparità di giudizio? Se una commedia italiana fa 4-5 milioni di incasso, tutti a fare i conti in tasca, con giudizi del tipo “tizio non incassa più come una volta, è in crisi”. Poi, vai a vederti i budget di certi titoli di registi d’autore, come segnalati nella documentazione dei contributi ministeriali, e trovi cose interessanti. Tipo autori alla seconda opera (dopo che la prima l’abbiamo vista in tre persone) con un costo di quasi due milioni. Realizzatori un tempo molto considerati, ma che rischiano di incassare 200.000 euro con film che costano tre milioni. E ancora, registi che hanno avuto solo flop e che spenderanno 4 milioni, altri a cui ha detto bene una volta e stanno a quasi 5M. E poi, tornando ancora più indietro, da segnalare i casi di prodotti già usciti, due dei quali (per esempio) sono costati circa 4 milioni ciascuno, ottenendo uno poco più di un milione in sala e l’altro decisamente sotto quella soglia. Ora, io auguro a tutti quelli che devono uscire ottime cose, ma come mai su questi film nessuno va a sindacare se hanno recuperato (loro, ma anche lo Stato) o meno i soldi spesi? Tra l’altro, con vendite televisive che si preannunciano non proprio entusiasmanti e molto più complicate di quelle che hanno le commedie.

Intanto, possiamo dire che Il giovane favoloso ha soppiantato Il vento fa il suo giro. Spiego il paragone strano. C’era un tempo in cui, per dire che un film indipendente poteva farcela, si citava il caso della pellicola di Diritti, in grado di conquistarsi uno spazio notevole partendo da un cinema a Milano. Ora invece il film di Martone è diventato un evento che andrebbe preso come modello, sia a dimostrazione che i film impegnati e diversi possono essere dei grandi incassi, sia come un esempio da seguire per il nostro cinema. Piccoli problemi: prendere un caso di straordinario successo dimenticando le altre decine che non hanno funzionato, non è statisticamente serio. Né lo è far finta che ci possa essere un modello produttivo facilmente replicabile, come è il caso (nel bene – gli incassi – e nel male – la ripetitività) delle commedie. O vogliamo pensare che basti affrontare in maniera moderna scrittori/poeti classici italiani?

A proposito, discutiamo sul fatto che le commedie si ripetono. Che, per carità, per trama e cast non è certo un’affermazione falsa, purtroppo. Ma i film d’autore no? E non intendo tanto quelli più importanti – che magari hanno dei registi di personalità che esprimono cose diverse – ma certo che tanti prodotti piccoli sembrano fatti solo per avere i requisiti ‘sociali’ per richiedere i soldi al Mibact.

Insomma, io capisco benissimo che si è stanchi (da spettatori, soprattutto) di vedere commedie molto simili e piatte. Ma questo non significa prendersela con la commedia tout court e non capire che senza quei 20-25 milioni di biglietti (a seconda degli anni, va meglio o peggio) che fa vendere in Italia, tante sale chiuderebbero. Inoltre, tanti prodotti che amiamo non si farebbero senza i soldi delle commedie. Giusto apprezzare il lavoro su Gomorra, ma ricordiamoci che dietro l’investimento di Cattleya ci sono (anche) i soldi di Siani. Lo stesso si può dire di Indigo: Sorrentino magari si finanzia da solo, ma gli incassi di Benvenuto presidente! non hanno certo fatto male e permettono scommesse come quella sull’esordiente Piero Messina con L’attesa. E allora, la finiamo di remare contro, senza renderci conto che non sono solo le commedie che si mettono in discussione, ma tutta l’esistenza del cinema italiano, registi ed esercenti compresi?


I pronostici del weekend

cenerentolaAnche oggi, trovate i pronostici del weekend, realizzati grazie alle ipotesi fatte da una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiedo i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limito a quelle più importanti).

Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina farò la media e la pubblicherò sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana, una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi) e (da oggi) i pronostici delle due persone che hanno fatto meglio la settimana precedente (e che ovviamente possono variare di settimana in settimana).Quest’ultima è un’indicazione che vi consiglio di tenere d’occhio. Ed ecco i nostri pronostici:

Cenerentola

Media: 3.300.000
Mediana: 3.050.000
Media ponderata: 3.000.000
I pronostici dei migliori: 4.600.000 / 2.930.000

Una media quanto mai bugiarda, nel senso che i pareri sono stati estremamente discordi. Molti ritengono che il film Disney farà tra i 2,2 e i 3,2 milioni, quattro persone invece prevedono tra i 4,2 e i 5 milioni. Insomma, può essere ‘semplicemente’ un buon successo o il nuovo Maleficent, vedremo chi ha ragione…

Ma che bella sorpresa

Media: 1.750.000
Mediana: 1.800.000
Media ponderata: 1.850.000
I pronostici dei migliori: 1.700.000 / 1.840.000

Ieri il film ha aperto con 125k, un’indicazione importante per capire quanto può fare (e non fare) il film. Qui siamo decisamente su pareri più compatti, anche se sottolineo un estremo (negativo) di 1,2 milioni e un estremo (positivo) di 2,5 milioni.

Suite francese

Media: 380.000
Mediana: 400.000
Media ponderata: 400.000
I pronostici dei migliori: 400.000 / 412.500

Quasi tutti i pronostici variano tra i 275k e i 410k, ma c’è anche una persona che prevede un dato vicino ai 600k.

Foxcatcher

Media: 279.000
Mediana: 300.000
Media ponderata: 300.000
I pronostici dei migliori: 400.000 / 325.000

Su questo titolo, le idee sono variegate e, anche in questo caso (come per Cenerentola) la media non rispecchia molto le opinioni inviate, che spaziano dai 120k ai 475k.


Blackhat

Media: 220.000
Mediana: 187.000
Media ponderata: 220.000
I pronostici dei migliori: 172.500

Anche qui pronostici diversissimi tra loro, da 100k a 400k.


I pronostici del weekend

Siamo arrivati alla terza puntata della nuova rubrica di pronostici sugli incassi di ogni weekend cinematografico. Riepilogo come viene realizzata. Ho chiesto l’opinione sui potenziali incassi a una ventina di addetti ai lavori, che non sono obbligati a partecipare tutti i weekend, così come non bisogna per forza esprimere un pronostico per tutti i film (peraltro, già di base non chiederò i pronostici su tutte le uscite del fine settimana, ma mi limiterò a quelle più importanti).

Prendendo tutti questi pronostici che mi vengono inviati, ogni giovedì mattina farò la media e la pubblicherò sul mio blog. C’è un limite di voti (almeno 4) per pubblicare la media, altrimenti non la considero molto affidabile e non verrà resa pubblica. Ovviamente, per quanto riguarda gli addetti ai lavori che partecipano e che sono direttamente interessati a un film, non viene conteggiato il loro pronostico. Inoltre, pubblico la mediana e una media ponderata (da cui elimino dei pronostici estremi). Ed ecco i nostri pronostici:

nessunosisalvadasoloNessuno si salva da solo

Media: 1.350.000
Mediana: 1.370.000
Media ponderata: 1.400.000

Il film con Scamarcio e la Trinca esce in 420 copie e i nostri pronosticatori sono stati abbastanza coerenti nei loro giudizi, con un estremo di 1.650.000 e un minimo di 760.000. Potrebbe rappresentare l’alternativa per chi (tutti) ha già visto 50 sfumature di grigio e un buon film per la festa della donna, a meno che…

Focus

Media: 1.325.000
Mediana: 1.400.000
Media ponderata: 1.400.000

…Non sia questo il film romantico del weekend. La commedia ‘truffaldina’ (nel senso di genere cinematografico) con Will Smith oscilla tra giudizi minimi di 810.000 e massimi di 1.700.000, ma anche con tanti altri giudizi variegati. Insomma, è veramente una media, perché sono pochi quelli che pensano veramente che faccia proprio 1,3-1,4M.

Superfast, Superfurious

Media: 700.000
Mediana: 750.000
Media ponderata: 750.000

La parodia della celebre saga Fast & Furious ha giudizi tutto sommato compatti: minimo di 500.000 euro, massimo di 800.000.

The Search

Media: 240.000
Mediana: 200.000
Media ponderata: 200.000

Il film di Hazanavicius, anche considerando il numero di copie (110) vede giudizi decisamente regolari e quasi tutti sui 2-300k.

Black & White

Media: 133.000
Mediana: 135.000
Media ponderata: 140.000

Anche qui, viste le 75 sale che proietteranno il film, c’è poca disparità di valutazioni.